una ragione per

L’odore di tufo che ti avvolge, per strada, in casa, nelle cantine. Il vento della valle del Meleta, e il suono delle cascate del Lente. Il pane “de i’ Ccelata”, o il pane “de i’ gghetto”, o anche quello azzimo degli ebrei, purché sciocco (che non significa senza giudizio, ma insipido). Il biscotto, che in realtà non è un biscotto ma una ciambella all’anice. Il biscotto, che poi non è un biscotto nemmeno questo ma una salciccia (con la c, non con la s, prego) a forma di tozzetto. Ed il capocollo, la finocchiona, il pecorino. Gli orari lunghi della giornata, al mattino si lavora fino all’una, poi si riprende alle quattro, poi si finisce alle otto. Il vino, che è cultura, passione, compagnia, e veste nomi altisonanti come Ildebrando o Kashér. Lidia e Alberto, e il loro calore. La sede di Stampa Alternativa. Le  stellate e i tramonti da Capisotto. Gli sfratti, perché quel dolce e amaro dolce a forma di bastone c’è solo lì, a ricordare di quando il Granduca di Toscana emanò l’editto con il quale confinava gli ebrei nel ghetto di Pitigliano, e li fece cacciar dalle loro case, e quei bastoni bussati sulle porte di casa erano il segnale della cacciata. Le migliacce, che qui al Nord le chiamano crèpes, ma non è la stessa cosa. Il calore della gente. Quella che incontri per strada, seduta sui gradini, “giù ppei vicoli”, a radiografare chi passa, a raccontar di “vite, morti e altre sciocchezze”. I geki sui muri.

Tra tutte queste non c’è una ragione per non passare dei giorni meravigliosi in un paese cullato dal cuore della Maremma. Tra tutte queste, purtroppo, non c’è una ragione per restarci, ad esser giovane, in cerca di istruzione o lavoro, o pensando ad una prospettiva futura di famiglia. E’ il mercato, bellezza. E una paese così, serve solo ad agosto, quando il vino ti fa dimenticare che a settembre tornerai nel tuo magico mondo di precarietà lavorativa.

Alla salute.

Annunci

ammennicoli di commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...