letterine

In tempi di tecnologie altamente contagiose e totalizzanti, trovare un libro sotto l’albero rischia d’esser declassato ad usanza vintage di trogloditici lettori. Carteresistente propone la seconda edizione di un gioco (le regole qui) per ricordare che non solo non è arcaica usanza ma, in fondo in fondo, oltre all’impagabile fascino, un libro sotto l’albero offre grandi spunti all’immaginazione; per questo, osando un po’, quei mattacchioni di CRT chiedono che ognuno scriva il proprio desiderio nel dialetto di competenza. Il mio delirio vernacolare, con annesso desiderio, lo trovate a questo indirizzo qui (https://cartaresistente.wordpress.com/2014/12/21/un-libro-sotto-lalbero-gli-ingranaggi-di-dio/), alla pagina in cui potrete supportare, con i vostri commenti e i vostri clic sulla stellina, la candidatura di un libro che, come tutti quelli che tanto piacciono ai ricercatori, parla di vita, di morte e di altre sciocchezze (cit.).

linus-scrive-al-grande-cocomero

Annunci

30 thoughts on “letterine

  1. Laiko in primis per la citazione.
    Bella anche l’idea, peccato che proprio non sappia scrivere in dialetto (non credo neanche, correttamente, si possa scrivere in dialetto…)

    Mi piace

    • è questione atavica (quantomeno nella mia mente)… io credo che non si possa, o ci si possa al massimo andare vicino, nella misura in cui introducendo il dialetto non si trova adeguata corrispondenza nei fonemi (o forse sarebbe più appropriato parlare di grafemi) a disposizione. col vernacolo, tutto sommato, va di lusso.

      Mi piace

    • in realtà, nemmeno io. qua mi dicono “non sei di qua, si sente”, lì mi dicono “non sei di qua, si sente”… vita dura, noi orfani di dialetti.
      (“ma non ti annoi a ricevere solo libri” te l’hanno mai detto? a me, in occasione di un compleanno, era capitato…)

      Mi piace

  2. Per me e mia figlia è tradizione trovare libri nella calza della Befana. Inoltre tra poco nascerà la mia nipotina e anche per lei ci sarà un libro: comincerò con uno di quelli morbidi che si possono usare nella vasca da bagno. Sono più di trentanni che la mia famiglia mi chiede se non sono stufa di ricevere libri, ormai non ci faccio più caso. Intanto però quando hanno bisogno di scrivere qualcosa (anche solo un bigliettino d’auguri) ricorrono a me: ci sarà un motivo.

    Mi piace

  3. Messo un libro sotto l’albero per lEstraneo, che io la speranza di vederlo leggere di più quando si esaurisce la ricarico, un’autobiografia sportiva di un personaggio che reputo serio.

    Mi piace

  4. io per natale mi sono regalata i sei libri di game of thrones. e per fare la cacacazzi pure in inglese. e mio cognato ha commentato: te li sei comprati perchè ti entravano precisi in quel buco della libreria?

    Mi piace

ammennicoli di commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...