l’anno del dodicesimo presidente della repubblica. forse.

Un po’ per tradizione, forse un po’ per celia (ma non troppo), un po’ per la paradigmatica e proverbiale consuetudine che al secondo associa il terzo, ripropongo con l’inizio del duemilaquindici il promemoria delle frasi che non vorrei sentire, ma che temo non potrò esimermi dal subire, nel corso dell’anno a venire.

Le due edizioni precedenti (questa e questa) vengono, per l’occasione, solo minimamente ritoccate, in particolare alla voce «Giovanotto, non si va in bici sul marciapiede», che viene testé modificata in “Veramente un coglione“. Non si ravvedono miglioramenti relativamente al «Ma voi ricercatori, precisamente… cosa ricercate?», se non per il fatto che, ormai, la risposta è nota – come ricordano una meravigliosa vignetta di Passe partout: «In Italia, oggi, un lavoro.» o la laconica considerazione di Staino.

cosaricercaunricercatore

 

Non essendoci margine di miglioramento sui luoghi comuni («È la crisi…»)  che alimentano l’incapacità di cambiare la logica in base alla quale gli ammortizzatori della nostra disastrata economia debbano essere quelli sociali, i servizi ai cittadini (previdenziali, assistenziali, culturali); non volendo infierire con l’aggiunta di altri, di luoghi comuni («Una tragedia che si sarebbe potuta evitare…», «Era una famiglia perbene…»), che indubbiamente affossano comunicazione ecologica ed umanità ma che, fortunatamente, raramente mi coinvolgono in conversazioni dirette; potendo infine comunque solo riconfermare la disaffezione, per usare un eufemismo, nei confronti della già citata maggioranza silenziosa, concludo con i nuovi anatemi di quest’anno.
Sono frasi due-punto-zero, da emarginazione sociale, domande che già contengono la nota di recitazione di una smorfia senza bisogno di specificarla, sono domande da pronunciare dall’alto verso il basso, pressoché identiche nella sostanza e nondimeno nella forma: “Ma come, non hai feisbùk?!?“, a  piacere intercambiabile con “Ma tu non hai uozzap?!?” (o, nella versione che direttamente bypassa il dubbio: “Te lo mando su uozzap!“).
Ecco, ricordo a tutti che la risposta, in entrambi casi, è no.

Detto ciò, perdonate la ripetizione del non per questo meno sentito: buon duemilaquindici di resistenza e auspicabili cambiamenti.
Possibilmente, in meglio.

Annunci

27 thoughts on “l’anno del dodicesimo presidente della repubblica. forse.

  1. Devo dire che wa lo trovo utile, tutto sommato, superati i giorni delle feste (ma d’altra parte prima di wa c’era inevitabile la pioggia di sms d’auguri in serie). Da fb invece sono uscita due anni fa, con grande senso di liberazione. Buon anno anche a te!

    Mi piace

  2. Speriamo anche meno luoghi comuni, che dici, che quelli su Fb e wa, come ti ricordano le due commentatrici qua sopra, in buona parte lo sono, che dici? 😉 Io mi auguro di continuare a saper non considerare, come per ora riesco a fare, il metro delle mie personali idiosicrasie e cazzate misura del giudizio delle personali altrui.
    Ah. E, ovviamente, di approdare finalmente su wa.
    Buon anno.

    Mi piace

    • dico assolutamente sì: come scritto all’inizio, e a cominciar dal titolo, la gran parte di questi tre post è gioco, e certo i luoghi comuni che ho scritto lo sono ampiamente (ciò che non è propriamente gioco è la questione precariato…). anzi, confesso: non escludo di approdare io stesso, prima o poi, alla medesima tecnologia (wa, non fb, ma quello per altri motivi), così come accolgo pienamente lo stesso augurio di discernimento tra personale e collettivo. buon anno a te!

      Mi piace

    • uh cosa mi hai ricordato…
      “C’é chi é come Paperon de Paperoni / Pieno di fantastiliardi di milioni / Ma poi sta sveglio tutte le notti / Per paura che arrivi la Banda Bassotti.
      Ma io mi sento come Vil Coyote / Che cade ma non molla mai / Che fa progetti strampalati e troppo complicati / E quel Bip Bip lui non lo prenderà mai / Ma siamo tutti come Vil Coyote / Che ci ficchiamo sempre nei guai / Ci può cadere il mondo addosso, finire sotto un masso / Ma noi non ci arrenderemo mai.”
      😉
      buon anno ancora a te!

      Mi piace

  3. Ieri ho letto un articolo (vabbe’, più che altro erano foto) sulle cose che in Ritorno al Futuro II (vecchio film di fantascienza che molti ggiovani manco avranno mai sentito nominare, del 1985) si prevedeva esistessero nel 2015, e infatti eccole qui. Si potrebbe fare la stessa cosa col dizionario dei luoghi comuni di Flaubert, e scopriremmo che in realtà uozzap è vecchio di secoli.
    Buon anno.

    Mi piace

  4. Arrendersi mai! E qui nessuno mi cita twitter e gli hashtag accazzodicane tipo #italiariparte del mitico autopremier che mi ricorda tanto la mia giovinezza quando tentavo di far ripartire la vespa a spinta, sulla cassia ,in salita ,sui tacchi.

    Mi piace

  5. Io MI auguro (e lo auguro anche a tutti) di non essere Maggioranza Silenziosa. E di non sentirmi dire “Tanto peggio di così non può andare”, anche perchè, immancabilmente, si viene smentiti!
    FB lo uso pochissimo, solo per diffondere i miei post. WA invece lo ritengo abbastanza utile, quanto meno per comunicare rapidamente.
    Non chiedermi perchè, ma mentre leggevo il post, al momento delle due domande su FB e WA, mi è venuto in mente il grullo de Il ciclone “oh, che tu ce l’hai il Gratta e Vinci?”. Non chiedetemi perchè… Sofferenza da rientro al lavoro…
    Buon anno a tutti!

    Mi piace

    • penso che il rischio di appartenere a quella maggioranza silenziosa ci sia in ogni momento, non solo a livello partitico. molte nostre scelte quotidiane sono, spesso, avallo silenzioso di comportamenti deprecabili (mi basta pensare ad ogni volta che acquisto un libro su amazon). il limite sottile che separa il “tanto peggio di così non può andare” però credo esista, e forse è fatto anche della consapevolezza dei propri limiti… quel che è certo è che quel “tanto non cambia mai nulla” non lo sento proprio appartenere: sono, e sarò, piuttosto, sempre più a mio agio con le lotte contro ai mulini a vento, ma mai rinunciare a lottare per ciò in cui si crede. buon anno a te!

      Liked by 1 persona

  6. La ‘povna e Amme senza uazzap???? 🙂 Sono notizie eh! Inaspettate anche! Sono esperienze anche quelle amme, non sempre belle. Pur amandolo e odiandolo al contempo (ma per i compiti quoto Pendolante, insostituibile!), credo tu debba lanciarti e provare. Anche perchè il bello di Wa e FB e TW e tutti i loro fratelli è che volendo si può tornare indietro, cambiare idea e ammettere che si stesse meglio prima. Un buon 2015 davvero!

    Liked by 1 persona

ammennicoli di commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...