dieci, cento, mille perché

«Io leggo perché mi dà molto.»

«Io leggo per studiare, innanzitutto, perché è solo leggendo che posso poi scriverne».

«Io leggo perché è godimento puro. Leggere mi consente di viaggiare e conoscere il mondo; mi rende libero, nel conoscere il pensiero altrui: non esiste un’unica verità, lo diceva già Pirandello, ma per poter cercare di capire il mondo ho bisogno innanzitutto della verità degli altri.»

«Io leggo perché… boh. Ce ne son talmente tanti di motivi che forse questo è quello che rende più giustizia».

«Io leggo poco, in maniera discontinua, e non so perché leggo. Vado a periodi, può essere che legga sei libri in un mese o non tocchi libro per un anno.».

«Io leggo semplicemente perché per i libri per me sono l’equivalente di un tossicodipendente per la droga: non posso farne a meno». 

Questi sono solo alcuni dei pensieri usciti durante la serata #ioleggoperché di venerdì 17 aprile scorso, serata piacevole in cui si è parlato di lettura, scrittura, editoria a pagamento; si sono raccontati i due testi di cui ero portatore come messaggero, questo e questo; e ci si è divertiti, soprattutto questo conta.
Ancorché verso la sua conclusione, la campagna di invito alla lettura che ha accompagnato questi due mesi riserva ancora qualche giorno di chiacchiere e di post-it gialli e rossi oltre, in particolar modo, agli eventi del giorno di riferimento, il 23 aprile (eletta giornata mondiale del libro e del diritto d’autore).
Con circolarità, per questa settimana si ritorna a casa dell’ideatrice e promotrice del “cita un libro”, ideatrice che per l’occasione propone un’immersione no stop sul tema, ça va sans dire, lettura. A questo proposito, dato che Come un romanzo di Pennac è già stato preso e sembra avviato ad essere il libro più citato della settimana senza ulteriori aiuti, non posso che orientarmi diversamente su uno degli incipit (nonché relativo libro, nonché relativo autore) a me più cari: piccola perla che non ha bisogno d’altra presentazione.

postit-15534b0e84c2bb

 

E, per chi ci sarà, ci vediamo qui (ma dei dettagli di questo ci sarà tempo, prima di giovedì, per parlare ancora).

Annunci

8 thoughts on “dieci, cento, mille perché

  1. E anche lui, ancora, mancava (l’avevo citato di straforo solo io sabato scorso). Bellissimo romanzo, grandioso incipit. Per me la motivazione (l’ho detto anche nell’intervista) è l’ultima. Io leggo perché non ne posso fare a meno, semplicemente. E ora pronti al rush finale!

    Mi piace

    • non avrei potuto esimermi dal citare, almeno una volta, calvino.
      durante la serata sono usciti tanti #ioleggoperché, ma sono usciti (e questo è stato un segno positivo, a pensare agli obiettivi della campagna) anche alcuni #ioNONleggoperché. questi mi hanno fatto ripensare un po’ alla (non) spendibilità dei libri da me ricevuti in quel contesto, ma va bene così: d’altronde, non era ovviamente pensabile una ricetta personalizzata.

      Mi piace

  2. Pingback: ansia da prestazione | ammennicolidipensiero

  3. Pingback: 23 aprile: non è una ricorrenza, ora e sempre #ioleggoperché | ammennicolidipensiero

    • anch’io. come dice pennac, fa parte dei diritti del lettore lasciare un libro a metà! e io non vi rinuncio.
      (p.s. quasi-inizio. è il secondo paragrafo. l’inizio-inzio sarebbe: “Stai per cominciare a leggere il nuovo romanzo Se una notte d’inverno un viaggiatore di Italo Calvino. Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni altro pensiero. Lascia che il mondo che ti circonda sfumi nell’indistinto. La porta è meglio chiuderla; di là c’è sempre la televisione accesa. Dillo subito, agli altri: «No, non voglio vedere la televisione!» Alza la voce, se no non ti sentono: «Sto leggendo! Non voglio essere disturbato!» Forse non ti hanno sentito, con tutto quel chiasso; dillo più forte, grida: «Sto cominciando a leggere il nuovo romanzo di Italo Calvino!» O se non vuoi non dirlo; speriamo che ti lascino in pace.”)

      Mi piace

ammennicoli di commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...